fbpx

Papavero di Ernest Mayer (Papaver alpinum L.subsp. ernesti-mayeri Markgr.)

Descrizione

Il Papavero Alpino di Ernest Mayer (Papaver alpinum L.subsp. ernesti-mayeri Markgr.) è un’entità appartenente a una specie polimorfa probabile relitto della flora preglaciale alpina e cresce spontanea sui Monti Sibillini.

La specie in senso lato è presente lungo tutto l’arco alpino (salvo che in Valle d’Aosta e Liguria) e sull’Appennino centrale, mentre la sottospecie ernesti-mayeri è ristretta alle Alpi orientali e all’Appennino Centrale.

La sottospecie di nostro interesse nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini è proprio quella Ernesti-Mayeri.

Il Papavero Alpino è una pianta perenne alta 5-15 cm con fusti striscianti dai quali si staccano gli scapi floreali uniflori. Le foglie sono divise in segmenti piccoli e stretti. Il fiore è unico e ha un diametro di 3-5 cm con petali gialli (ci sono anche specie a petali bianchi ma non presenti ad oggi sui Sibillini). Il frutto è una capsula di forma clavata.

Il Papavero Alpino fiorisce in particolare da luglio ad agosto nei Monti Sibillini è una specie molto rara e la troviamo dai 1900 ai 2450 m di quota quindi nelle aree del Monte Argentella, Valle del Lago di Pilato e la cima del Redentore.

ATTENZIONE: ricordiamo che sui Monti Sibillini è assolutamente vietato raccogliere qualsiasi specie di fiori

 

SCARICA SUBITO IL NOSTRO EBOOK COMPELTO CON I FIORI DEI MONTI SIBILLINI

Info Box

Share This