fbpx

Fioritura di Castelluccio di Norcia

Descrizione

Una delle meraviglie dei Monti Sibillini che regala scenari suggestivi e qualcosa di unico per la splendida visione che questo evento regala ogni anno, tra fine maggio e metà luglio, sono le fioriture di Castelluccio di Norcia.

Un dipinto per la grande vastità di colori che i pascoli assumono durante questo periodo, un mosaico di colori, con una variazione di toni, che vanno dal giallo ocra al rosso e non solo.

Si parla di fioriture poiché le specie floreali che tingono il Pian Grande e il Pian Perduto in questo periodo, sono innumerevoli, camminando lungo i sentieri possiamo incontrare: genzianelle, narcisi, violette, papaveri, ranuncoli, asfodeli, viola Eugeniae, trifogli, acetoselle e tant’altro.

A dare inizio con le prime fiorite sono le le corolle gialle e delicate della senape selvatica (Sinapis arvensis), che si vedono danzare al ritmo del vento insieme ai primissimi papaveri (Papaver rhoeas), che danno quel primo tocco di rosso alla piana. Le prime fiorite avvengono verso gli inizi di giugno, alla quale piano piano si aggiungono nuove tinture di colore.

Verso metà giugno iniziano a comparire le tonalità di bianco portate dalla camomilla bastarda (Anthemis arvensis) e dal leucantemo (Leucathemum vulgare), che iniziano a danzare, al ritmo del vento che si incanala nella piana, insieme ai papaveri e alla senape selvatica. Nel mese di giugno si unisce e inizia a tingere e a dare una gradazione di blu a questa suggestiva piana, anche lo “specchio di Venere” (Legousia speculum – veneris), una pianta elegante, dal portamento fine, con un asse fiorale che si staglia sui campi coltivati e li colora con un tono di blu che può virare al violetto e al celeste.

A giugno inoltre è un mese in cui la natura fa il suo primo risveglio a Castelluccio e inizia la fase decisiva della preparazione alla vera fioritura. Il culmine in genere è nei mesi di Giugno e inizio Luglio… quando ad aggiungersi a questo spettacolo floreale è anche l’arrivo del fiordaliso. Quest’ultimo regala il suo ultimo tocco di colore violetto e i il Pian Grande, Il Pian Piccolo e Il Pian Perduto offrono questo spettacolo davvero unico al mondo.

ATTENZIONE: Rispettare sempre la natura e chi visita questi luoghi poiché è vietato calpestare i prati in fiore e non disperdere cartacce o immondizia nei campi.

ATTENZIONE: ricordiamo che sui Monti Sibillini è assolutamente vietato raccogliere qualsiasi specie di fiori

 

SCARICA SUBITO IL NOSTRO EBOOK COMPELTO CON I FIORI DEI MONTI SIBILLINI

Info Box

Share This