Norcia> Campi – Chiesa di Sant’Andrea (XIV°sec.)

Descrizione

A ridosso della porta trecentesca d’ingresso della parte alta di Campi, si trova la Chiesa di Sant’Andrea edificata nel XIV sec. Esternamente si presenta con un portico pensile rinascimentale a pianta triangolare e a cinque arcate che fu aggiunto nel XVI sec. dove sono ben visibili e riconoscibili tracce di decorazioni ed affreschi raffiguranti Sant’Andrea, il Crocifisso con il Castello di Campi e San Luca.

Da qui si può godere di uno dei panorami più belli che è possibile ammirare sulla valle sottostante. Sotto di esso si aprono due portali: quello di sinistra, il più antico e facente parte della costruzione originaria, presenta nella chiave di volta l’agnello crucifero (agnello che regge una croce e che sta a rappresentare il popolo che nel sacrificio raggiunge la salvezza) e due colonnine che sostengono, sopra i capitelli, due sculture di leoni. L’interno mostra un pavimento in pietra con tombe ed è suddiviso in due navate e tre campate di pilastri che sorreggono il soffitto costituito da volte a crociera.

Tra i due portali è posta la cantoria con organo del 1787 costruito da Venanzo Fedeli sotto cui ha trovato posto un’acquasantiera ovale a colonna di stile rinascimentale. Di fronte, addossato al primo pilastro e chiuso da una cancellata, è collocato il fonte battesimale a colonna costruito in pietra nel XVI sec. Esso era provvisto di un caratteristico coperchio in pietra lavorato a squame che purtroppo è stato rubato. Sulla parete di destra sono collocati due altari, uno dedicato a Sant’Antonio da Padova con affianco statua del Santo, il secondo altare invece è posto in una nicchia affrescata nella seconda metà del 1500 e raffigurante la Madonna del Rosario.

Il presbiterio custodisce un bel pulpito intagliato ed intarsiato del XVI sec. di scuola Seneca ed un altare in muratura addossato alla parete di destra e dedicato a Sant’Andrea vicino a cui è posta, in una nicchia, una statua in legno del Santo Patrono.

Share This