Amandola> Marnacchia – Chiesa di Santa Maria in Marnacchia (XIII°sec.)

Descrizione

Posta sulla sommità della collina di Marnacchia, in posizione predominante, sorge la Chiesa di Santa Maria in Marnacchia, la cui origine risale alla metà del XIII sec.

La prima notizia documentata è riportata in un atto del 1267 dove si attesta che il giuspatronato, ossia i privilegi e gli oneri ad essa attribuiti, era concesso ai Signori di Monte Passillo, nobile famiglia di Comunanza a cui si deve anche il nome del monte che ancora oggi segna il confine tra Fermo ed Ascoli.

La chiesa, che in origine dipendeva dall’Abbazia dei Santi Vitale e Ruffino, da una relazione di una santa visita del 1573, appariva come semplice parrocchia. Dall’aspetto semplice e lineare ed ottimamente conservata, è stata edificata utilizzando il sasso e la pietra locale e presenta, sulla facciata principale, un portale sormontato da una finestra ed una targa incisa che riporta indicato il nome dell’antico borgo Villa Marnacchia.

La chiesa è sormontata da una vela campanaria che custodisce, nei suoi due archi, dove evidenti segni di restauro sono ben visibili, due piccole campane. Sul lato nord della chiesa, nel 1950, è stato edificato un corpo più basso in blocchetti di tufo collegato alla sacrestia tramite una porta interna.

Share This